Che lingua far studiare ai miei figli? Il coding!

Pubblicato il 15 giugno 2020

Tempo di lettura 2 minuti

Alcuni dei motivi per cui saper programmare diventa un vantaggio soprattutto per i più piccoli.

Nel 2016 la Florida è diventato il primo stato a permettere che, nelle scuole superiori, la materia di scienze informatiche potesse essere sostitutiva al requisito dell’apprendimento della seconda lingua straniera. Attualmente, nel mercato del lavoro le “digital skills” sono probabilmente utili tanto quanto una buona conoscenza della seconda lingua, per questo alcune High-School americane si sono adoperate per dare sempre più importanza all’insegnamento nelle proprie aule della programmazione.

“La programmazione può essere definita, in un senso un po’ azzardato ma pur sempre legittimo, come la cultura del 21° secolo” secondo il programmatore Brady Dill. “Studiando la programmazione informatica, lo studente apprende un preziosissimo strumento che può essere applicato nella costruzione di un percorso di carriera molto redditizio.

Indipendentemente dal fatto che più stati seguano o meno le orme della Florida, non si può negare che l’insegnamento della programmazione sia una competenza preziosa per i giovani di oggi, considerando l'attuale mercato del lavoro..


PROGRAMMARE DA BAMBINI SVILUPPA SKILLS IMPORTANTI

I linguaggi di programmazione sono senz’altro dei linguaggi universali. Imparare a programmare è molto di più di acquisire competenze tecniche pure. “Un linguaggio di programmazione ti insegna di più di un semplice linguaggio” secondo Jarod Spiewak, CEO di Cicada Devolpment. “Ti insegna ad affrontare e risolvere problemi complessi. Ti insegna la pazienza, a lavorare in un gruppo, e a condurre una ricerca, ponendo le giuste domande per trovare le soluzioni più adeguate.

Molti programmatori sono “self-made”, ovvero professionisti che si sono formati da soli, provando e riprovando, dato che la loro offerta formativa non prevedeva questo tipo di insegnamenti. Sempre più lavori richiedono conoscenza della programmazione, e non sol0 nell’industria tecnologica. Più o meno in tutti i settori possono essere richiesti,o quantomeno favoriti, figure con competenze nella programmazione.

Inoltre, se gli studenti cominciassero a prendere in considerazione la programmazione, il loro salario iniziale sarebbe molto incoraggiante. L’ufficio americano di statistica del lavoro (BLS) riporta che lo stipendio medio degli sviluppatori nell’anno 2018 è stato di $84,280 all’anno, circa $40,52 all’ora.


ALCUNE PIATTAFORME O SITI PER INIZIARE A PROGRAMMARE

Sono ogni giorno di più le realtà esclusivamente dedicate all’apprendimento del coding da parte dei più piccoli. A seconda dell’età di partenza, possiamo trovare diverse soluzioni divertenti e intuitive. Fra le più famose ci piacerebbe consigliare Scratch e Tinker.

Scratch

Scratch è un linguaggio di programmazione gratuito e una community online in cui è possibile creare storie, giochi e animazioni interattie e personalizzate. Scratch aiuta i giovani a imparare a pensare in modo creativo, ragionare in modo sistematico e lavorare in gruppo - abilità essenziali nel nuovo mercato del lavoro.

Scratch è un progetto del gruppo di asilo permanente presso il MIT Media Lab. Viene fornito gratuitamente.

Tinker

Tynker consente ai bambini di diventare produttori. Tynker sta trasformando il modo in cui i bambini imparano a programmare. Si può pianificare piccole sfide ed è ottimo per i bambini perchè dà loro la sicurezza di provare senza timore, incoraggiando l’avventura. Le  applicazioni davvero divertenti e il fatto che siano  adattate alle varie età, le rende ancora più vantaggiose e divertenti.